Tag » Ruanda

Rocchetta in Ruanda.

KAMPALA – C’è mancato poco che la prima missione oltreconfine del neo-sottosegretario agli esteri, Franco Rocchetta, finisse in tragedia. Il suo aereo, un Hercules C-130, canadese con le insegne dell’ONU, è stato bombardato all’aeroporto di Kigali, Ruanda, subito dopo l’atterraggio e costretto a ripartire in gran fretta, con un decollo da brivido.

Martedì 7 giugno 1994.

Ruanda, vent'anni dopo - non è finita

Il tempo passa, il Ruanda resta.

Il ventennale esatto dall’inizio del genocidio è passato e sui giornali non si trovano più reportages e commemorazioni, non dietrologie e nuove indagini, non analisi economiche e riflessioni politiche. 564 altre parole

Attualità

Ruanda, 1994: il silenzio di un genocidio

Un ventennale come quello che ha marchiato la storia del Ruanda, trascina dietro le sue fila un’intera comunità internazionale che, soffocata dalla burocrazia e negligenza, si è resa complice di una guerra selvaggia, disumana, irrazionale

ESTERI

Burundi. Le Nazioni Unite informano della preparazione di un genocidio.

Il 03 aprile 2014 l’Ufficio delle Nazioni Unite in Burundi informa il Quartiere Generale delle Nazioni Unite a New York dell’avvenuta distribuzione di armi e uniformi di esercito e polizia ai giovani miliziani… 1.506 altre parole

Il peso delle informazioni

Sono passati vent’anni da quegli atroci cento giorni dove, con l’assurda cecità dell’Occidente, sono state massacrate 800.000 persone. Ancora oggi giornalisti, diplomatici e militari non riescono a darsi pace per quello che è successo sotto i loro occhi. 692 altre parole

Senza Categoria

Genocidio in Ruanda, le responsabilità del Belgio

Ha già cominciato a bruciare la fiaccola che rimarrà accesa per 100 giorni a Kigali, a ricordare le circa 800.000 vittime del genocidio del Ruanda del 1994, soprattutto di etnia Tutsi. 315 altre parole

Dal Belgio

Genocidio in Ruanda, simbolo dell'ipocrisia dell'Occidente

Sono passati vent’anni e mentre a Kigali si leva il grido “mai più”, in Africa come in Medio Oriente ancora oggi avvengono quei massacri diretta conseguenza dell’ignavia e codardia della comunità internazionale, ma anche di nascosti interessi, strategie e profitti… 678 altre parole

Cose Dell'altro Mondo