Continuare, nel 2014, a esaltare la figura di Oriana Fallaci significa condividere il razzismo, il colonialismo e la mentalità genocida della scrittrice fiorentina. Rizzo lo fa sulle patinate e autorevoli pagine di Rivista Studio. 722 altre parole